il manifesto


Info Utili

Contro le bombe ma anche contro le manganellate tantissime persone, soprattutto studenti, tornano in piazza. A Pisa e a Firenze, ma anche a Roma, Milano, Torino e in molte altre città. Per il cessate il fuoco e in solidarietà con la Palestina. E la polizia sta a guardare

Rafah, sfollati palestinesi in una tendopoli nel sud di Gaza foto Ap/Abed Rahim Khatib
Internazionale

Gli aiuti Usa piovono dal cielo: «Inutili e umilianti»

Chiara Cruciati

Tiro alla famePochi e contesi da troppi affamati. Onu e ong umanitarie criticano i pacchi lanciati su Gaza dagli Stati uniti: vanno aperti i valichi. Le Nazioni unite visitano le vittime della strage di giovedì: «Un gran numero di feriti da arma da fuoco». Negoziato in corso, Israele non va al Cairo: «Prima Hamas risponda sulla tregua»

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il manifesto nella tua casella mail

Scopri le newsletter del manifesto

Ricevi ogni mattina l'edizione del giorno, con tutti gli articoli. E ancora: Alias, Alias Domenica, l'Extraterrestre, Lunedì Rosso, Alt, Elettorale Americana ...

Iscriviti alle newsletter gratuite
COMMENTA SUL COLLETTIVOIl luogo dove commentare gli articoli del manifesto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maicol e Mirco 3/3/24
Maicol e Mirco del 03/03/2024
COMMENTA SUL COLLETTIVOPrendi la parola e confrontati con redazione e abbonati

L’Europa coloniale vede solo macchie nere

Viste dall'alto sembrano formichine le vittime della strage degli affamati. Sono persone. Gaza è una tomba, lo è anche dell’incapacità di dare un nome alle cose. Certe parole fanno paura all’Europa che non si interroga sul loro senso e la loro pratica: razzismo, colonialismo, suprematismo, a Gaza ci sono tutte. Anche genocidio

Entriamo in guerra? Mai dire mai

Stavolta non è stata la disinformazia del regime di Putin sempre attiva, a lasciare esterefatti sono invece le parole del presidente francese Macron che alla conferenza stampa conclusiva del “suo” […]

Italia

Ferrara, in corteo contro il Cpr

Linda Maggiori

MigrantiIn città si vota a giugno così pure il sindaco leghista ha detto no alla costruzione del centro, almeno fino alle elezioni. Uno dei partecipanti alla manifestazione: «Noi migranti viviamo nella nostalgia, subendo infinite persecuzioni»

Card Image

Palestina, la terra più amata

La prima antologia di letteratura palestinese moderna e contemporanea pubblicata in Italia.

Fino al 7 marzo puoi preacquistare il volume con uno sconto del 50%!

Preordina il libro a 10 euro

Sesta puntata del podcast
Nuovo episodio del podcast

il manifesto via mail

Scopri le newsletter gratuite

Ti iscrivi e disiscrivi con un click nel profilo

Iscriviti
Filippo Mosca, tutte le falle di una sentenza durissima
Europa

Filippo Mosca, tutte le falle di una sentenza durissima

Giansandro Merli

Dalla prigione inferno in RomaniaCondannato in primo grado a otto anni, con altri due italiani, per traffico internazionale di droga. Giovedì l’appello. «Se avessi fatto qualcosa almeno potrei rassegnarmi a scontare gli effetti dei miei errori. Invece provo solo rabbia: sono chiuso qua dentro senza colpe», dice il ragazzo dal carcere di Porta Alba. «L’empatia con Chico Forti, Ilaria Salis e le loro famiglie si è amplificata. Spero che il governo italiano si attivi anche per mio figlio», afferma Ornella Matraxia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli scatti della settimana

FOTOFINISH

La nostra intelligenza artificiale

MeMa - Memoria Manifesta

La nostra IA di comunità sta esplorando l'archivio storico del manifesto. Un esperimento di uso non estrattivo della computazione. In direzione ostinata e contraria.

Scopri di cosa si tratta
Le incerte ombre della memoria
Cultura

Le incerte ombre della memoria

Francesca Maffioli

NarrativaIntervista alla scrittrice Jane Sautière che pubblica il romanzo «Corpi mobili», per La Nuova Frontiera. Destino individuale e collettivo in un’adolescenza in Cambogia prima degli orrori dei Khmer rossi. «Di fronte a ciò che è accaduto nel Paese si rischia di non parlare più. Io ho potuto farlo grazie al sostegno di artisti come Panh e Boltanski e alle loro opere che interrogano la storia». «Penso spesso a "Se questo è un uomo", a quando Primo Levi recita al suo compagno di lavoro il canto di Ulisse dall’Inferno dantesco: la bellezza di pochi versi per restare legati all’umanità»

arte lavoro tempo

Alt

Dietro le quinte di un’opera c’è uno spazio nel quale l’artista si muove per dare luce e forma al silenzio

Vai alla pagina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nuovo manifesto digitale

In cammino.

Vogliamo andare oltre la semplice vetrina di articoli e creare uno spazio digitale sicuro, dove i dati sono protetti e la tecnologia è messa al servizio delle persone. Come la nostra intelligenza artificiale, MeMa, che consente di viaggiare tra le perle dell'archivio storico.

Scopri le novità