closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Abbonati al manifesto digitale ed accedi da web e app per € 20.00 al mese, o €199.00 l’anno.

Abbonati ora

CINA

Cosa c’è nei Xinjiang Papers del New York Times

Simone Pieranni

I documenti del Pcc. Nel materiale sono presenti discorsi privati di Xi Jinping e altri funzionari e direttive del partito per organizzare la gestione legata alla sicurezza nella regione autonoma

AcelorMittal, guerra in tribunale: aperta inchiesta a Taranto

Andrea Colombo

Affonderia. Per il premier Conte sarà la «battaglia legale del secolo». Di Maio: «Nessun piano B». Landini: ««Se il tavolo non ci sarà reagiremo»

Nazionalizzare l’Ilva è il solo modo per fermare la macchina assassina

Marco Revelli

Fin dagli anni ’60 la storia dello stabilimento è piena di morti. Dentro e fuori la fabbrica. Ogni discussione sul suo futuro non può prescindere da questo dato di fatto

iorompo.it

La stampa indipendente rischia di sparire dietro a un muro. Mettiamoci in gioco: dobbiamo rompere… e tanto. Un muro da 400.000 mattoni ci separa dalla sostenibilità del giornale.

Entro la fine dell’anno dobbiamo abbatterli tutti, e costruire un nuovo modello di giornalismo condiviso che renda finalmente l’informazione un bene comune. Necessaria come l’acqua. Indispensabile come l’aria.

Il duro muro della realtà

Norma Rangeri

Chi vuole eliminarci sa che si scontrerà con i nostri lettori. Che avranno a disposizione un serissimo gioco collettivo, iorompo.it, una inedita testata online, la trincea da cui colpiremo e abbatteremo il muro del governo, con una campagna di crowdfounding che diventerà patrimonio di tutti.

 

INTERNAZIONALE

Sanzioni più carovita, in Iran salta la pace sociale

Farian Sabahi

Proteste in tutto il paese malgrado la neve. Ridotti i sussidi per la benzina, con il prezzo cresce il malcontento. Una vittima a Sirjian

Ricevi ogni mattina l’edizione digitale nella tua casella email

Gratis, niente spam, zero pubblicità. Provalo, puoi disiscriverti facilmente in qualsiasi momento.

NOI ROMPIAMO

Cento cene per il manifesto

redazione

Con la complicità di chi ci sceglie, e che magari come spesso accade ci rimprovera, non è d’accordo, ci corregge, lanciamo una campagna di sostegno diretto di «cento cene per il manifesto»

CASO CUCCHI

«Il Mose non serve, occorre ridurre la profondità dei canali»

Riccardo Bottazzo

Intervista ad Andreina Zitelli, docente allo Iuav. «La mareggiata ha dimostrato che la laguna non è fatta per le profondità necessarie per le Grandi navi. Occorre ripristinare l’equilibrio morfologico dell’ambiente»

SCIENZA

Scienziati bambini nel mercato delle idee

Andrea Capocci

Curriculum. Lo strano caso della Corea del Sud in cui le ricerche sono intestate ai ragazzini per favorire le loro future iscrizioni all’università

VISIONI

Antonello Falqui, uno sperimentatore in televisione

Stefano Crippa

Piccolo schermo. Addio al regista e innovatore, protagonista degli show Rai da «Canzonissima» a «Un altro varietà»

Inserti, libri, dvd e molto altro

IN EDICOLA IL DIPLO' DI OTTOBRE

L’incubo dell’«ospedale del futuro»

Frédéric Pierru

«Aria fresca», è così che i medici del pronto soccorso in sciopero hanno definito il piano presentato il 9 settembre dalla ministra francese della sanità. A reparti sull’orlo dell’esplosione viene proposto un programma rachitico, che coinvolge altri settori, a loro volta in difficoltà. È il caso di parlare di «crisi» degli ospedali o di «rottura» – un progetto a lungo termine che punta a consegnare al privato un’istituzione emblematica?

Politica

Articolo 1 nella scia della “rifondazione”

red. pol.

«L’unica nostra arma è mobilitare i lettori nella campagna iorompo.it, una battaglia da cui usciremo vivi o morti. O riusciremo a raccogliere 1.200.000 euro (quel che il governo ci taglierà) o non potremo fare miracoli. Di questo chi va in edicola o si abbona al giornale deve essere consapevole, fino in fondo»

Norma Rangeri “#iorompo”
Internazionale

Cosa c’è nei Xinjiang Papers del New York Times

Simone Pieranni

Europa

Un anno di gilet gialli: meno manifestanti, stessa rabbia

Anna Maria Merlo