Le stime di crescita affossano il governo della propaganda

La recessione è già realtà e lo certifica la Banca d’Italia che taglia le stime di crescita: nel 2019 sarà dello 0,6%, 0,4 in meno delle previsioni. Numeri che non preoccupano il governo giallobruno. Per Di Maio si tratta di «stime apocalittiche, che si riveleranno infondate»