closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Abbonati al manifesto digitale ed accedi da web e app per € 20.00 al mese, o €199.00 l’anno.

Abbonati ora

Zitti e Moscovici

Andrea Colombo

Dal «non cederemo di un millimetro» a «non ci impicchiamo ai decimali» fino alla resa: deficit dal 2,4 al 2,04% per evitare la procedura d’infrazione. Conte e Tria portano a Bruxelles il regalo di Natale del governo. «Confermate quota 100 e reddito». Ma i conti non tornano

Quota 100 dura 3 anni, alle imprese 5 mesi di «reddito di cittadinanza»

Roberto Ciccarelli

In attesa dell’oracolo di Bruxelles, il governo “populista” che voleva “abolire la povertà” e sfidava i parametri di Maastricht ora gli accetta e moltiplica i doni alle imprese

Di Maio sceglie le imprese («un patto con loro») e dimentica gli operai

Massimo Franchi

Esiti «trionfali» degli incontri, neanche un minuto per il presidio Iia, che intanto diventava turca e senza l’ingresso (promesso dal ministro) di Fs

Caccia serrata all’assalitore

Chiara Cruciati - Strasburgo

Il sospettato, francese di 29 anni e origine marocchina, potrebbe già essere in Germania. La polizia ha interrogato quattro persone sospettate di essere a conoscenza delle intenzioni del giovane

Macron: «Massima vigilanza»

Anna Maria Merlo - Parigi

Unità politica con crepe: la dignità di Mélenchon, il recupero senza dignità di Wauquiez e Le Pen, che chiedono repressione. Il governo non decreta lo stato d’emergenza

«Generazione Isis», perché non è finita

Alberto Negri

Basti pensare che proteggiamo il mandante dell’assassinio di Jamal Khashoggi, il principe Bin Salman, a capo di uno Paese che per decenni ha alimentato il radicalismo islamico. La Francia ha usato i jihadisti per far cadere Assad, così come la Turchia e le monarchie del Golfo

Terrorismo e misfatto occidentale

Tommaso Di Francesco

Certo, si tratta ancora della scia di sangue che ci ritorna in casa a fronte delle tante, troppe guerre che abbiamo seminato in Medio Oriente, perfino direttamente con il ruolo occidentale non certo inconsapevole delle migliaia e migliaia di foreign fighters in allegro via vai dai conflitti in corso, dalla Libia alla Siria, allo Yemen. Ma la scena è davvero mutata, per almeno due ordini di cogenti motivi

A TUTTA DESTRA

La pacchia è finita, così diceva l’orribile Javert

Andrea Ranieri

Mi sono chiesto a lungo dove l’avevo già trovata la frase «la pacchia è finita» che Salvini butta in faccia ai disperati e ai dannati della terra. Poi l’illuminazione. E’ la frase che nei Miserabili di Victor Hugo l’orribile Javert dice al sindaco Madeleine.

«Rousseau», un’applicazione invita gli iscritti alla delazione

Giuliano Santoro

Non se la passa affatto bene, il portale Rousseau di Davide Casaleggio. Nella mitologia grillina dovrebbe costituire il «sistema operativo» dei 5 Stelle. Ma conta pochi iscritti, tanto che all’ultimo raduno del Circo Massimo a Roma si invitavano i simpatizzanti a bypassare internet e aderire semplicemente via sms

L’invito alla delazione, l’ultima ciliegina sulla democrazia del clic

Antonio Gibelli

Movimento Cinque Stelle. Una democrazia senza mediazioni e senza luoghi fisici di confronto interattivo, senza partiti e senza giornali, domani anche senza parlamento. Una democrazia del capo comunicatore e del suo rapporto diretto con le masse via social

PIAZZA FONTANA

Mattarella: una «matrice neofascista occultata da intollerabili deviazioni»

Redazione politica

«Una verità piena e conclusiva non ha ancora coronato le lunghe e travagliate vicende giudiziarie» nonostante «il lavoro encomiabile e coraggioso di magistrati e servitori dello Stato, che hanno svelato responsabilità e trame di matrice neofascista, occultate da intollerabili deviazioni»

Avanguardia nazionale oggi rinasce, le nuove leve del neofascismo

Antonio Gibelli

Il ruolo centrale di Ao negli attentati del dicembre 1969. L’organizzazzione oggi si è ricostituita da tre anni, nella più assoluta indifferenza istituzionale

L'ACRE ROMANO

Va a fuoco l’impianto dei rifiuti. Nube tossica sulla città

Giuliano Santoro

Alla periferia di Roma va a fuoco un impianto-discarica di rifiuti e nel cielo della Capitale si alza una nube tossica. Allarme salute. Inascoltate le denunce dei cittadini. La procura indaga per disastro colposo. Paralisi spazzatura alle porte. Raggi si appella al governo

Tmb Salario, tutti gli allarmi inascoltati

Christian Raimo

Non bastavano sette anni e mezzo di mobilitazione, una manifestazione con duemila persone il 6 ottobre scorso, 4mila rilevazioni di 300 famiglie che abbiamo raccolto quest’estate, centinaia di segnalazioni e denunce alla Asl, la polizia, a ogni possibile istituzione, due inchieste aperte alla procura, una relazione dell’Arpa di nemmeno quindici giorni fa che fotografa una situazione da brividi dell’impianto

Caudo: «Li avevamo avvisati, dovevano ringraziarci e invece ci boicottavano»

Eleonora Martini

Intervista al presidente del Municipio (III) di competenza del Tmb andato a fuoco ieri

Roma, l’anno (quasi) zero dei rifiuti

Rossella Muroni

La storia di questo impianto è paradigmatica se ci si vuole orientare nella questione dei rifiuti a Roma, perché mostra come la politica sia stata debole e lo sia ancora, incapace di mediare tra le esigenze industriali, quelle ambientali e quelle sociali

Il ciclo della «monnezza» che fa impazzire Raggi

Giuliano Santoro

Le promesse della giunta capitolina vanificate dall’emergenza reale della capitale

ALTERNATIVE

Alla destra di Salvini si risponde rompendo il fronte del partito del Pil

Aldo Carra

Lega e Salvini. La cronaca ci spinge a leggere le capacità comunicative di Salvini ed il suo evidente razzismo. Così come, nel corpo sociale, le tendenze xenofobe che albergano nella pancia della gente. Tutto vero, naturalmente, e preoccupante e da combattere. E tutto spiegabile anche in un contesto più ampio della sola Italia.

Riparte il tour europeo di May. Ma i Tory scalpitano

Leonardo Clausi - Londra

La premier britannica incontra Merkel, poi Juncker e Tusk che la gelano: l’accordo non si cambia. Per il Labour non è il momento della sfiducia, il pericolo viene dai conservatori

Fermezza Ue ma mano tesa della Corte di Giustizia

Anna Maria Merlo - Parigi

May vuole tornare a Bruxelles per ridiscutere l’accordo. Ma per la Ue è «il solo possibile». La Corte di Giustizia Ue concede a Londra la possibilità di «revocare unilateralmente» il ricorso all’articolo 50

I dieci miliardi di Macron preoccupano Bruxelles

Anna Maria Merlo - Parigi

Macron in tv non ha convinto la maggioranza, anche se recupera terreno. Resta la protesta di sabato prossimo. Ieri di nuovo liceali in piazza. La Ue e la Germania preoccupate per i deficit, l’equilibrismo dei conti del governo. Censura dell’opposizione di sinistra

Gilet gialli, la povertà cambia volto

Renzo Paris

I sociologi francesi già si lagnano della mancanza di un libro teorico scritto da uno dei gilet jaunes. I politici, da Le Pen a Mélenchon, dichiarano invece di avere nei loro programmi le rivendicazioni dei dimostranti, ma i loro cappelli insidiosi vanno stretti a quelle teste calde

«Noi» contro l’ordine sovrano

Marco Bascetta

La richiesta di abolire la sovrattassa sui carburanti è solo il detonatore di una rivendicazione ben più generale: «Più soldi in tasca!». Dopo decenni di attacco ai salari, di erosione dei redditi, di miserie precarie ai più la misura appare colma

«La loro mappa sociale è una diagonale del vuoto»

Guido Caldiron

Intervista allo studioso Hervé Le Bras. È forte la componente «rurale» di aree in via di spopolamento, tra città e campagne, ma ci sono anche tanti abitanti delle periferie metropolitane

Stagnazione e spese, l’origine della protesta

Olivier Galland

L’insieme di questi fattori – stagnazione del livello di vita, parte crescente delle spese per le famiglie modeste – è una miscela esplosiva con l’aumento delle tasse sulla benzina

«Un movimento politico più che sociale»

Guido Caldiron

Intervista all’antropologo Alain Bertho. «Intorno ad ogni singolo blocco stradale si sta sviluppando un discorso pubblico comune, un po’ come accaduto un paio d’anni fa nella capitale con la Nuit debout»

COMUNISMI

Per un Marx al presente

Rossana Rossanda

C’è da chiedersi quanto, perfino nelle meno odiose tra le società occidentali, non siano stati visti i bisogni operai in crescita intellettuale e morale rispetto ai loro bisogni materiali, affidati essenzialmente alla distribuzione

ANTISEMITISMO

Pietre d’inciampo, un furto dettato dall’odio

Redazione

Venti sanpietrini in ottone che l’artista tedesco Gunther Demnig aveva installato in via Madonna dei Monti 82 a Roma, in memoria delle famiglie deportate, sono stati rubati nella notte. Aperta un’inchiesta

DIRITTI INAPPLICATI

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Oggi

Raffaele K. Salinari

Da Ciro il Grande al documento finale del 1948, storia travagliata di una «legge naturale». Oggi alle forze sovraniste e xenofobe della Ue sfugge il valore legale e vincolante dei princìpi fondamentali sottoscritti dai paesi membri

L’abisso tra quelle parole e l'oggi

Luigi Ciotti

A settant’anni dalla «Dichiarazionei» l’orizzonte è dominato da povertà, disoccupazione, guerre, disastri ambientali, migrazioni o, per meglio dire, deportazioni indotte

Una Dichiarazione che l’Italia ha tradito

Antonio Marchesi

L’idea che i diritti possano spettare ad alcuni e non ad altri, purtroppo, non è soltanto un’idea sbagliata, ma un’idea produttiva di effetti sulla vita di milioni di persone

Mai più l’«homo tenens» al centro

Alex Zanotelli

Mai i diritti sono stati così tanto proclamati e così poco praticati come in questo momento storico. Il sistema economico finanziario produce molta più ricchezza che nel passato ma questa è molto peggio distribuita

Futura umanità, nel legame con la terra

Vandana Shiva

Il futuro dell’umanità e dei diritti umani dipende dal riconoscere che non siamo separati dalla Terra. Gli esseri umani sono parte della Terra e i diritti umani derivano dai diritti della terra

Becky, il simbolo della catastrofe umanitaria

Domenico Lucano

Purtroppo in Italia da molti anni i diritti umani sono calpestati. Si fa carta straccia dei diritti dei migranti, dei diritti sindacali, dei diritti sociali. E se non c’è uguaglianza sociale non c’è dignità

Dall’Afghanistan all’Europa, stessa violazione

Claudia Lodesani

La Dichiarazione resta di grande attualità come punto di riferimento basilare per la nostra società. Purtroppo negli Stati in cui interveniamo assistiamo a continue violazioni dei suoi principi, anche in Europa

Via al «Global compact». Senza Trump e (forse) l’Italia

Serena Chiodo, Lorenzo De Blasio

La conferenza sui migranti di Marrakech . Via al «Global compact». Senza Trump e (forse) l’Italia. La ratifica il 19 dicembre. Le Ong si appellano a Conte: «confermi il sostegno al testo»

Africa curling team: un sogno di ghiaccio, Salvini permettendo

Eleonora Martini

Sport e società. C’è tempo fino al 16 dicembre per finanziare il documentario di Tomaso Clavarino che racconta una squadra unica al mondo. Dal Gambia e dalla Sierra Leone fino in Val Pellice: vent’anni e alle spalle una vita di dolore, di fuga e di resistenza. La storia di sei ragazzi in attesa dello status di rifugiato

Crimi taglia i fondi e attacca la «casta dei giornalisti»

Matteo Bartocci

Il sottosegretario M5s annuncia l’emendamento in senato, poi insulta sindacato e ordine: «Non rappresentano nessuno». Risposta corale di precari e meno precari nell’assemblea pubblica sotto al Mise

Giulietti (Fnsi): «Un governo con le peggiori intenzioni, i giornalisti non chinano la testa»

Matteo Bartocci

Il presidente Fnsi. Crimi vuole difendere i giornalisti precari? Metta in atto la legge sull’equo compenso. Odg e Fnsi vogliono trattare con il governo, ma se non ci saranno i presupposti il prossimo passo sarà una manifestazione nazionale per proteggere Costituzione e articolo 21

Condanna a morte per i fondi del pluralismo. E per le nostre testate

Vincenzo Vita

Dopo lo stop apparente dell’ipotesi di taglio del fondo per il pluralismo e l’innovazione, frutto anche della mobilitazione sindacale e di diverse delle testate interessate, dal vertice sulla manovra finanziaria è uscita la condanna a morte

Contro il manifesto la ruspa dei nuovi moralizzatori

Norma Rangeri

«Un governo che risparmia sul manifesto?», anche per questa domanda ringrazio Roberto Saviano per il suo articolo, su Repubblica, a proposito dei tagli all’editoria contro Radio Radicale, Avvenire e la nostra testata

L'ALLARME CLIMATICO

Cop24, i big del Petrolio bruciano l’allarme sul clima

Luca Martinelli

Ambiente. Usa, Arabia Saudita, Russia e Kuwait censurano il documento finale. Lo scontro sul rapporto dell’Ipcc che prevede l’aumento di 3 gradi delle temperature medie globali

Katowice, la sfilata pacifica per «salvare il pianeta»

Marica Di Pierri - Katowice

Cop24. Migliaia di persone manifestano contro il carbone, grande protagonista della Cop24

Trump, il presidente più perforatore di sempre

Marina catucci

American Psycho. Pronto anche un provvedimento che metterà a rischio le fonti d’acqua potabile

I carboni ardenti del clima

Marica Di Pierri - Katowice

Al via a Katowice la Conferenza mondiale sul clima. L’allarme Onu: «Abbiamo 12 anni per dimezzare l’inquinamento». Ma alla vigilia di Cop 24 l’atmosfera è nera

L’energia fossile vola nel cuore dell’Europa

Alessandro Coltrè

La strategia energetica polacca zavorra della Ue. Il piano: altre 4 centrali e mantenimento di Belchatów, il sito super inquinante a lignite

I cambiamenti climatici e lo spazio vitale

Guido Viale

La difesa dei territori è una rivoluzione, l’unica in grado di garantire benessere alle comunità che li abitano, ma anche di segnalare le cose da fare per cambiare il mondo

19 società assicurative dicono stop al carbonifero. Generali si adegua

Luca Manes

Rapporto di Greenpeace e Re:Common. Dopo le pressioni degli ecologisti la Compagnia triestina sulla buona strada

IN EDICOLA UN NUMERO SPECIALE DELL'EXTRATERRESTRE

La nostra biodiversità

Massimo Giannetti

Il meglio che abbiamo seminato nel 2018 e le grandi sfide ecologiste del futuro. Agricoltura, alimentazione, fonti energetiche, mobilità sostenibile. L’agenda delle più importanti associazioni ambientaliste per difendere la biodiversità della Terra dai cambiamenti climatici

La sinistra c’è in piazza

Norma Rangeri

Quella di Torino è l’opposizione migliore perché trasversale, frequentata da giovani e vecchi, alimentata da una lunga lotta, nutrita non dalla chiusura nella piccola valle ma dalla continua raccolta di studi e da uno sguardo lungo sul mondo che brucia il pianeta a colpi di Pil

La marcia dei 60 mila No Tav. Sfida ai Cinque Stelle:ora fermate il cantiere

Maurizio Pagliassotti, Mauro Ravarino - Torino

Grande corteo No Tav a Torino e formidabile risposta all’operazione mediatica della manifestazione delle “madamin”. Una piazza decisamente di sinistra, mentre i Cinque Stelle sono in forte difficoltà

Piazze a confronto a Torino: quella No Tav è più numerosa e resistente

Maurizio Pagliassotti, Mauro Ravarino - Torino

I simboli della sinistra nella manifestazione delle “madamin” non c’erano, mentre il corteo abbondava di bandiere rosse. Dal mondo Si Tav emerge un senso di sconforto per la forza soverchiante espressa ieri dal movimento No Tav

Wu Ming 1: «La lotta No Tav non ha governi amici»

Giuliano Santoro

Lo scrittore Wu Ming 1 che al movimento No Tav ha dedicato “Un viaggio che non promettiamo breve”, ha scritto il testo che ha lanciato la manifestazione torinese

La più grottesca opera pubblica italiana

Erri De Luca

La Valle di Susa è da due generazioni il centro esemplare della coscienza civile di una comunità irriducibile alla sottomissione

Luca Mercalli: «La Torino-Lione è parte della crisi, non la soluzione»

Luca Martinelli

Intervista. Il meteorologo, divulgatore scientifico e climatologo che vive in Valsusa è tra i primi firmatari dell’appello «Tav, no grazie»

Una opera inutile che oscura le vere priorità

Edoardo Zanchini

Legambiente sarà a Torino al corteo No Tav perché non abbiamo cambiato idea sulla grande opera che si vuole costruire tra Torino e Lione

Settis: «Piuttosto mettiamo in sicurezza i territori»

Maurizio Pagliassotti, Mauro Ravarino

«Dire no al Tav non significa dire no alle grandi opere, ma dire no a una infrastruttura non prioritaria. Sostenuta con calcoli fallaci»

No Tav, una bella battaglia della politica contro la governance

Christian Raimo

Per la prima volta da Genova 2001 il movimento dei No Tav ha riportato al centro del dibattito pubblico in Italia il confronto su che idea di futuro abbiamo

I Sì Tav antimoderni, fermi alla Torino di Gianduja e Giacometta

Marco Revelli

Alta velocità. Bisognerà ben dirlo, non c’è niente di moderno nella riproduzione di un progetto e di un’idea già obsoleta un quarto di secolo fa quando era stata promossa

LA TRAGEDIA DI CORINALDO

Sconcerto

Mario Di Vito - Corinaldo (Ancona)

Sei morti e decine di feriti, molti in gravi condizioni. La strage dei ragazzi alla discoteca di Corinaldo nella ressa per il panico causato da uno spray urticante. Al concerto del trapper Sfera Ebbasta venduti quasi il doppio dei posti disponibili. Misure di sicurezza sotto accusa

Niente controlli sui biglietti. E una sola (fatale) via di fuga

Mario Di Vito - Corinaldo (Ancona)

Le cause della carneficina: le uscite dovevano essere tre ma tutti si sono trovati accalcati nello stesso punto

Spray urticante, strumento difensivo diventato «arma» pericolosa

Mario Di Vito - Corinaldo (Ancona)

Vari precedenti agli show del cantante trap. In farmacia, online o in edicola: facile comprare le bombolette come «arma non letale»

LA CAROVANA DEI MIGRANTI

A Tijuana il sogno dei migranti si infrange sul muro di Trump

Andrea Cegna

La frontiera Usa/Messico continua a raccontare le storie delle diverse carovane migranti partite dal centro America e che ora aspettano al confine

Tijuana, i naufraghi dell’Impero

Luca Celada - Los Angeles

Sulla martoriata frontiera tra i mondi dello sviluppo e dello sfruttamento. I corpi umani qui sono sempre stati in balia delle manovre del capitale, dislocati come forza lavoro in base a produzione e mercato

Nativi e stranieri nella lotta comune contro i governi

Guido Viale

A difesa di poteri e interessi, i signori della globalizzazione non hanno messo in campo solo le armi, ma anche la mobilitazione sovranista, nazionalista e fascista

Honduras, dolore collettivo. «Per questo la gente scappa»

Francesca Caprini - Trento

Parla Nohemi Pérez Borjas, attivista perseguitata dal regime di Juan Orlando Hernández. «Noi donne sfidiamo a viso aperto l’ipermachismo. Contro di noi un uso terribile della violenza sessuale»

Lacrimogeni su donne e bambini, i democratici: toccato il fondo

Marina Catucci

Kirstjen Nielsen, segretario per la Sicurezza nazionale, difende la polizia frontaliera Usa sostenendo che è stata attaccata dai migranti

VENEZUELA

«Il discorso chavista ha perso la capacità di emozionare»

Claudia Fanti

Parla Néstor Francia, poeta e saggista rivoluzionario, membro dell’assemblea costituente: dagli elementi conservatori e dal burocraticismo, a scapito della partecipazione e del protagonismo del popolo. È anzi la persistenza di tali errori a ostacolare la resistenza popolare anti-imperialista e a farmi temere per il futuro della Rivoluzione Bolivariana

Cina, la catena di montaggio dell’Intelligenza artificiale

Simone Pieranni

La corsa di Pechino all’intelligenza artificiale si basa sul lavoro di migliaia di persone impiegate nell’attività di «etichettatura» di tutti i dati. Un lavoratore che pone le etichette può elaborare 40 oggetti al giorno, guadagnando 10 yuan all’ora, circa 1 euro

Sorvegliare e punire. Il laboratorio sociale della Cina in Xinjiang

Simone Pieranni

Nella regione a maggioranza uigura un milione di persone sarebbero detenute all’interno dei «campi di rieducazione». Il Pcc ha lanciato il piano «United as One Family»: i cinesi «han» diventano «poliziotti-cittadini» installandosi nelle case degli uiguri

LA CRISI DEL PD

Smeriglio: «Appello a sinistra, nelle primarie Pd come Sanders, poi disgelo con M5S»

Norma Rangeri

Intervista al coordinatore di Piazza Grande, il movimento di Zingaretti: “propongo di entrare in un campo, non in un partito per dare battaglia come fanno i socialisti e le femministe nei Democratici americani. Dialogo con i 5 stelle per rompere il blocco nazionalista”

Disgelo con i 5 Stelle? «Meglio i pop corn». I renziani attaccano Zingaretti

Daniela Preziosi

Democrack/Primarie Pd. Smeriglio finisce nella bufera. Ma anche Martina voleva aprire il tavolo con i grillini

Renzi, la sua «cosa» a gennaio. Pd, conta fra chi resta e chi va

Daniela Preziosi

Corrente allo sbando, parte l’hashtag: #iorestonelPd, ipotesi di non sostenere nessun nome. C’è l’urgenza di trovare una nuova candidatura

Renzi comanda, Minniti si ritira. La scissione del Pd si avvicina

Daniela Preziosi

I renziani non firmano l’impegno a restare nel partito. Zingaretti: ora basta picconate

Primarie a colpi di boomerang

Norma Rangeri

Il fatto è che, a volersi dire la verità, il Pd ha da tempo esaurito la sua spinta propulsiva, ma nessuno vuole seppellire il morto in casa, anzi tutti quelli che ambiscono a dividersene le spoglie sono impegnati nell’estremo tentativo di rianimarlo

RAPPORTO CENSIS

Il «sovranismo psichico» di un’Italia povera e incattivita

Roberto Ciccarelli

I migranti il capro espiatorio degli italiani passati alla «difesa delle trincee». Il reddito ristagna: tra il 2000 e il 2017, 400 euro in più all’anno contro i 6 mila in Francia

Una società che si chiude a riccio

Benedetto Vecchi

C’è una caratteristica dei rapporti annuali del Censis che ne fanno un appuntamento attorno al quale tirare le fila dello sviluppo sociale, culturale e politico italiano. E’ il ragionare attorno a tonalità emotive dominanti

Paura dei migranti, e il rancore diventa cattiveria

Luigi Pandolfi

Un Paese incattivito. Cupo, anziano, diffidente, senza speranza. Non è la Francia dei Gilet jaune, che molto sta facendo parlare di sé in questi giorni. E’ l’Italia di oggi, raccontata alla luce delle sue frustrazioni nell’ultimo Rapporto del Censis

RAZZISMO GIALLOVERDE

I muri italiani di «papà» Salvini

Ascanio Celestini

A Salvini piace definirsi, papà, come se non fosse abbastanza mostruoso da sé e come se non fosse orribile che, per giustificarsi, abbia bisogno ogni volta di coprirsi con la progenie. E naturalmente si tratta di un «papà italiano». Insomma quando il prossimo presidente del consiglio dice che gli italiani vengono prima di tutti, ha ragione

La nuova carta famiglia rischia la bocciatura della Consulta

Adriana Pollice

L’emendamento che esclude le famiglie extracomunitarie dall’accesso alla carta famiglia potrebbe essere incostituzionale, segnalano i tecnici della Camera

L'infame day

Roberto Ciccarelli

Niente «carta famiglia» per gli immigrati poveri. Passa un emendamento alla legge di bilancio che prevede sconti solo per gli italiani e i cittadini Ue con almeno tre figli

STEFANO CUCCHI

«Verbali modificati»: il depistaggio arriva in udienza

Eleonora Martini

Processo bis. Il comandante della caserma di Tor Sapienza e un carabiniere testimoniano le pressioni. Colombo Labriola: «Il colonnello Cavallo impose le modifiche. Il Nucleo investigativo ignorò la mail»

Il «navigator» non è un meme, ma un «manager dell’anima»

Roberto Ciccarelli

Oggetto di lazzi e meme in rete, il “navigatore” è in realtà un personaggio chiave del governo neoliberale della forza lavoro, già presente in Italia nell’alternanza scuola-lavoro

Blutec e Iia: 2mila operai a rischio «Il Mise si muova»

Massimo Franchi

Fim, Fiom e Uilm divise su Fca, unite su ciò che succede in due ex aziende Fiat. Una conferenza stampa unitaria per denunciare il rischio che Industria italiana autobus (Iia) e la Blutec chiudano

VERITA' E GIUSTIZA PER GIULIO REGENI

«Abbiamo 20 nomi dei servizi egiziani». Al-Sisi doveva sapere

Chiara Cruciati - Roma

Egitto/Italia. I cinque indagati sono solo l’inizio, dice la famiglia: è provato il coinvolgimento di più persone nell’omicidio di Giulio Regeni. Tra loro Tarek Saber, alto ufficiale della Nsa all’epoca della scomparsa e la morte del ricercatore, poi “pensionato”

«Entro sei mesi l’Egitto processi gli aguzzini di Giulio»

Chiara Cruciati

Una fonte del Cairo all’agenzia indipendente Mada Masr riporta di un presunto ultimatum della Farnesina per l’omicidio Regeni: o si va a processo o Roma prenderà misure

Fico costringe il governo italiano e il parlamento egiziano a reagire

Chiara Cruciati

Dopo la sospensione dei rapporti parlamentari, i deputati del Cairo definiscono la mossa unilaterale e ingiustificata. La Farnesina convoca l’ambasciatore egiziano, ma Moavero non tocca l’expo di armi

Una svolta per la verità

Tommaso Di Francesco

Sarà pure un atto simbolico, ma a fronte di troppe menzogne e silenzi di tre governi, quelli a guida Pd di Renzi e poi di Gentiloni, e quello attuale gialloverde, ha davvero il sapore di rottura per una svolta di verità

Armi ed expo militare, affari italiani al Cairo

Chiara Cruciati

Si apre al Cairo l’esposizione militare internazionale. Ci sarà anche un padiglione di aziende italiane. Intanto l’Istat fa sapere che solo a luglio 2018 l’Italia ha venduto quasi 2 milioni di euro in armi

SAHARAWI

Il presidente della Repubblica: «Finalmente il Marocco parla con noi»

Stefano Mauro

Brahim Ghali parla delle aspettative per i primi «colloqui diretti» che si aprono oggi a Ginevra tra Rabat e il Fronte Polisario: «Lo consideriamo un inizio, ma è ancora presto per parlare di svolta. Finora, malgrado le condanne internazionali, la morsa dell’occupazione militare marocchina non si è allentata. La missione Onu, come indica il nome, deve fare il suo lavoro, che consiste nell’organizzare il referendum per l’autodeterminazione del popolo saharawi»

MORTI NEL MEDITERRANEO

Anonimi senza lutto

Mariangela Mianiti

Intervista a Cristina Cattaneo, docente di Medicina legale e direttrice di Labonof che dal 1995 identifica i morti in mare. Ne ha scritto nel volume «Naufraghi senza volto»

Fuori dal perimetro dei propri confini

Sandro Mezzadra

Una riflessione intorno a «Liberare le migrazioni. Lo sguardo eretico di A. Sayad» di Gennaro Avallone, uscito per ombre corte

I caratteri originari di una trasformazione

Michele Nani

«Storia dell’immigrazione straniera in Italia» di Michele Colucci, per Carocci. Il libro verrà presentato oggi alla biblioteca Ariostea di Ferrara, alle ore 17

SINISTRE

De Magistris battezza il suo fronte

Adriana Pollice - Roma

Il sindaco di Napoli lancia la coalizione civica «contro l’onda nera», ma non scioglie la riserva sulle europee. Gli spagnoli di Podemos unici politici ammessi sul palco. Potere al popolo assente con polemica

IL REGGAE PATRIMONIO DELL'UMANITA'

Quel gioioso ritmo in levare tra spiritualità e battaglie sociali

Flaviano De Luca

L’Unesco inserisce il reggae nella lista dei beni immateriali dell’umanità «per il suo contributo al dibattito internazionale su questioni di ingiustizia, resistenza, amore e umanità»

CRISI RUSSIA/UCRAINA

Putin: «Lo scontro a Kerch provocazione di Poroshenko»

Yurii Colombo - Mosca

«Teme per le elezioni in Ucraina». Mosca e John Bolton: al G20 l’incontro con Trump ci sarà

PARLIAMO DI NOI

Il manifesto lancia la sua nuova campagna pubblicitaria

Matteo Bartocci

Il manifesto c’è, tutto è possibile. Uno slogan di resistenza e di speranza. Un richiamo a tutta la sinistra e non solo. La nostra campagna al via anche sulle pagine di Corriere della Sera e Internazionale

IL MANIFESTO

Una riunione di redazione con Sartre

Luciana Castellina

2011-2018. A sette anni dalla morte di Lucio Magri riappare una lettera inedita che il filosofo francese gli scrisse nel 1962. Un tributo straordinario e l’inizio di un assai stretto rapporto con il gruppo del manifesto

Caro Magri, ho letto il suo articolo quasi d’un fiato

Jean-Paul Sartre

La lettera inedita. Jean-Paul Sartre scrive a Lucio Magri nel 1962. È l’inizio di un lungo e solido rapporto tra il filosofo francese e uno dei fondatori del manifesto

La amiche geniali

Alessandra Pigliaru

Decine di migliaia di donne a Roma, contro la violenza, in difesa della 194. Chiedono più fondi per i centri di accoglienza e più tutele legali. Il contrario di quel che fa il governo

La marea che la politica non vede

Norma Rangeri

Il tema della violenza ha animato una mobilitazione rumorosa, forte, organizzata e sorridente come negli ultimi anni e come succede da quando il movimento femminista è nato

IL RAPIMENTO DI SILVIA ROMANO

«Silvia è viva». Il Kenya mette una taglia sui rapitori

Fabrizio Floris

La polizia avrebbe identificato tre dei cinque sospetti e ricostruito i loro spostamenti. Il gruppo aveva affittato una casa a 20 metri da quella della giovane volontaria

No, le donne non se la sono andata a cercare

Giuliana Sgrena

Se fossi tornata in una bara, tredici anni fa, mi avrebbero celebrata (forse) come una giornalista che cercava la verità e aveva fatto degli scoop

ARRESTIAMO UMANI

Nel Mediterraneo tornano le ong: riprendiamo i soccorsi

Carlo Lania

Rompere il silenzio che ormai da mesi domina sulle morti nel Mediterraneo centrale. E’ con questo obiettivo che le ong tornano nelle acque di fronte alla Libia riprendendo così – questa volta con un’azione comune – le operazioni di salvataggio dei migranti

Legambiente: l’emergenza di Catania non sono le Ong

Edoardo Zanchini*

Sarebbe bastato confrontare i protocolli adottati nel mondo da Msf per smaltire rifiuti medici e vestiti per capire i reali rischi per lo «smaltimento illegale di rifiuti pericolosi», secondo la procura, e che tale non è.

I COMUNISTI

Franco Fortini e i nostri «dieci inverni»

Rossana Rossanda

L’intransigenza di Fortini non è mai unidimensionale, è stato più che mai attento a non dimenticare il nemico – come invece i comunisti hanno scordato di fare nel 1989

L’intervista di Rossana Rossanda a Propaganda Live

Diego Bianchi (Roma) - Propaganda Live

Venerdì 26 ottobre 2018 Diego Bianchi ha trasmesso su Propaganda Live, il programma su La7, un’intervista a Rossana Rossanda realizzata qualche giorno prima. La puntata integrale è qui. Rossana compare dopo 1 ora e 55′ circa. Pubblichiamo lo sbobinato della trasmissione per gentile concessione dell’autore

Inserti, libri, dvd e molto altro

ExtraTerrestre

Bollino rosso a pranzo

Serena Tarabini

Avvisi di pericolo sulle confezioni e tasse per dissuadere il consumo: le misure utilizzate contro prodotti nocivi come sigarette e alcool, in base a[...]

ExtraTerrestre

Tutti i bimbi di mister Greenopoli

Mauro Ravarino

La sostenibilità la si impara da piccoli. Anzi, sono anche loro a potercela insegnare. «Occhio a Mangiafuoco, non si scherza con il fuoco/ Il[...]

ExtraTerrestre

Da isola verde a discarica

Emanuele Giordana

Questa fetta di territorio cremonese dove l’Adda si getta nel Po, attraversata da un canale navigabile quasi mai utilizzato ma con un’aria d’antan che[...]

ExtraTerrestre

Lo scandalo dell’ingiustizia climatica

Rinaldo Rava

La ventiquattresima conferenza quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è aperta con il governo padrone di casa, quello polacco, che ha ribadito[...]

ExtraTerrestre

I fosfati e la lotta dei Saharawi

Giorgio Nebbia

Il fosforo è, insieme all’ossigeno, all’idrogeno, al carbonio e all’azoto, uno degli elementi essenziali per la vita: i terreni ne contengono una certa quantità,[...]

ExtraTerrestre

La campagna per salvare gli ultimi 500 individui rimasti di tigre siberiana

Luca Martinelli

L’ultima denuncia del Wwf riguarda il futuro della tigre siberiana o dell’Amur, di cui sono rimasti 500 individui: nell’estremo oriente russo, spiega il report[...]

SCAFFALE

Nelle autonome aperture al comune

Toni Negri

Per Quodlibet torna «Il diritto dei privati» di Widar Cesarini-Sforza, edito la prima volta nel 1929, assieme ai «Prolegomeni del diritto collettivo» del 1936 e con una ricca rilettura del curatore Michele Spanò

MANUEL CASTELLS

Metropoli in eterna connessione

Flavio Massarutto

Incontri. A lezione dal sociologo ospite alla Fondazione Feltrinelli di Milano nell’ambito delle «Guido Martinotti Lecture»

VISIONI

Le scelte della vita? Una partita a flipper tra ragione e sentimento

Fabiana Sargentini

Porte girevoli. Conversazione con Walter Fasano, montatore, complice da sempre del cinema di Luca Guadagnino

FERMIN MUGURUZA

«Black is Beltza», suoni e immagini della rivoluzione

Flavio Massarutto

Il musicista basco autore del progetto da cui sono nati un fumetto, un disco e un film d’animazione presentato in questi giorni al Noir in Festival

PERCORSI

Karl Marx impigliato nel futuro

Benedetto Vecchi

Percorsi. Un sentiero di lettura, in cinque libri di recente pubblicazione, per orientarsi nel bicentenario del pensatore di Treviri. Un modo per rimettere al lavoro il Moro, evidenziandone i «punti di stress»

M9 A MESTRE

Il museo immateriale sulla storia del Novecento

Alfonso Botti

Al suo interno, va in scena una rappresentazione socio-antropologica, che mette al secondo posto la politica, che privilegia i processi sugli avvenimenti, le trasformazioni fisiche (i volti, i corpi) e mentali degli italiani, del paesaggio, i processi di modernizzazione dell’economia e della società

CULTURA

Il mondo inventato dal piccolo schermo

Giandomenico Crapis

Scaffale. «Sulla Televisione», in un libro a cura di Gianfranco Marrone uscito per La Nave di Teseo gli scritti dal 1956 al 2015 di Umberto Eco

CLASSICI ITALIANI

Gadda al riparo dietro il giallo insoluto

Corrado Bologna

Estraendo documenti prima mai visti dall’archivio Liberati, Giorgio Pinotti ricostruisce, in una importante nuova edizione, la dinamica e l’incompiutezza prestabilita del «Pasticciaccio»

VISIONI

Nicolas Philibert, l’arte di trovare la giusta distanza

Mariangela Mianiti - Milano

Intervista Al regista di «De Chaque Instant», in concorso a Filmmaker Festival, che racconta la formazione degli apprendisti infermieri di Montreuil

TEMPI PRESENTI

L’«ars combinatoria» della moltitudine

Marco Bascetta

A partire da «Assemblea», di Toni Negri e Michael Hardt (Ponte alle Grazie)

CAI GUO QIANG

La miccia accesa del Rinascimento

Arianna Di Genova - Firenze

Intervista. Un incontro con l’artista cinese, che dipinge con i fuochi d’artificio, protagonista della mostra «Flora Commedia» agli Uffizi. «Sono un ribelle come Caravaggio. Per questo uso la polvere da sparo, è il materiale più anarchico che esista. Non si può controllare, è imprevedibile»

TEMPI PRESENTI

Il mutevole confine del capitalismo

Benedetto Vecchi

L’economista Mariana Mazzucato ha appena pubblicato per Laterza «Il valore di tutto»

MESSICO

Un «piccolo genocidio» dimenticato

Francesca Lazzarato

Julián Herbert. «La casa del dolore altrui», edito da gran vía, in libreria da domani. Lo scrittore racconta il massacro di 303 cinesi, nel 1911 a Torreón, da parte dei maderisti

Tra la gente che muove San Francisco

Flaviano De Luca - San Francisco

Nella città di «nebbie e sogni» dove arte e musica si mescolano alle battaglie dei lavoratori precari

L’avventura di un «song catcher» nella musica tradizionale Usa

Flaviano De Luca - San Francisco

Il fondatore della Arhoolie Records Chris Strachwitz, , discografico atipico che ha sempre preferito il lavoro «sul campo»

Ricevi ogni mattina l’edizione digitale nella tua casella email

Gratis, niente spam, zero pubblicità. Provalo, puoi disiscriverti facilmente in qualsiasi momento.

Politica

Avanguardia nazionale oggi rinasce, le nuove leve del neofascismo

Saverio Ferrari

Internazionale

Salvini: gas israeliano in Italia e cooperazione stretta con Tel Aviv

Michele Giorgio

Europa

May barcolla ma non molla, Brexit resta nelle sue mani

Leonardo Clausi