closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

L’idolatria dei due mondi

L'addio al Diez. L'ultimo viaggio del Pibe de Oro. Nel diluvio di immagini tv e sui social, la morte di Maradona è stata un lutto condiviso da Napoli all'Argentina, passando per la Somalia e la Serbia

Sembrava una scena vista mille volte, quella dell’ultimo viaggio di Diego verso il cimitero. Una costellazione di luci delle moto della polizia, le auto bianche del servizio funebre, e centinaia di scooteroni, motociclette e motorini, un fiume di gente, anche in auto, a scortare il feretro sull’autostrada. Persone schierate sui ponti, sui muri e lungo la strada, si sentivano urla e cori d’incitamento, clacson a distesa. C’erano bandiere e striscioni, moltitudini affacciate sui cavalcavia che scattavano fotografie, alcuni applaudivano, altri cantavano l’inno dell’Argentina. DALLE PARTI di Fuorigrotta, dopo ogni vittoria importante, il pullman del Napoli - all’epoca del primo scudetto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi