Il Bundestag tedesco ha varato, con settimane di ritardo, il bilancio per il 2024. Tra le misure approvate anche quella che prevede l’eliminazione graduale degli sgravi fiscali sul carburante diesel per uso agricolo entro il 2026, nonostante le massicce proteste delle ultime settimane.

Prima di entrare in vigore, il provvedimento dovrà passare al vaglio della Camera alta (il Bundesrat) a fine marzo, un modo per prendere tempo e cercare di trovare un accordo.

La coalizione di governo aveva inizialmente deciso di eliminare in blocco gli sgravi fiscali, per cercare di colmare il buco nel bilancio 2024 dopo la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l’uso dei fondi avanzati dal capitolo di spesa per la lotta al Covid e da quello del contrasto della crisi climatica.

Il governo ha stretto la cinghia e rispettato il freno all’indebitamento, con un debito previsto di soli 39 miliardi di euro. Mentre la spesa prevista è di 476,8 miliardi di euro.