closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Singer, la colpa di esserci ancora

Narrativa Yiddish . Tra il ’57 e il ’58, Bashevis Singer pubblica i capitoli confluiti, dopo la morte, in «Ombre sullo Hudson», anti-saga traversata da eros, angoscia, fiacche volontà, coscienze infelici

Milton Avery, «Young Couple (Husband and Wife)», 1963

Milton Avery, «Young Couple (Husband and Wife)», 1963

Nel discorso pronunciato per il conferimento del Nobel nel 1978, Isaac Bashevis Singer dichiarò, con parole sicure, il bisogno di osservare attentamente le domande senza risposta e i paradossi del presente. Con accenti di smagato pessimismo e ironia malinconica, vedeva i presagi spengleriani di declino farsi concreti, in un contesto connotato da un’estrema aridità, privo ormai di una fede salda. La perdita di contatto con il testo biblico – per secoli fonte incontrastata di solidità e afflato morali, la cui robustezza sentiva ormai infragilita sotto l’assalto del materialismo e di una radicale sfiducia in Dio – gli sembrava proiettare il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi