closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Rileggere la musica di Schumann nella suggestione di una parola

Rassegne. L'Accademia Filarmonica Romana propone da oggi, 9 maggio, fino al 16 giugno un ciclo di incontri, ogni domenica, dedicato al compositore e guidato da Oreste Bossini. Si comincia con «farfalle» e «sfingi»

Un ritratto di Schumann insieme alla moglie Clara

Un ritratto di Schumann insieme alla moglie Clara

Robert Schumann è in qualche modo il primo compositore veramente intellettuale dell’epoca moderna. Non che prima di lui i compositori fossero incolti, ma non occupavano nella società il posto dei letterati. Bene fa dunque l’Accademia Filarmonica Romana a dedicare a Schumann un mese d’incontri, ogni domenica, da oggi al 6 giugno, incentrato ciascuno su una parola che colga un carattere della sua musica. Guida gli incontri Oreste Bossini, e alcuni giovani musicisti ci faranno ascoltare le sue musiche. La prima domenica le parole sono due: farfalle e sfingi. Papillons s’intitola, infatti, l’op. 2 e nel Carnaval le sfingi ammiccano nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi