closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Perù, un nuovo governo più gradito alle destre

America latina. Il rimpasto del presidente Castillo dopo la «rinuncia», da lui sollecitata, del premier Bellido. Seguita da quella di tutti i ministri

Il presidente Pedro Castillo

Il presidente Pedro Castillo

Nella sinistra peruviana c’è il grande timore che il presidente Castillo segua le orme di Ollanta Humala - è stato coniato al riguardo persino un verbo, "humalizarse" -, cioè che, proprio come quell’ex presidente (2011-2016), finisca per tradire gli impegni di cambiamento assunti con l’elettorato. Un timore che una parte dei suoi sostenitori vede confermato nella rinuncia - sollecitata da Castillo - del premier Guido Bellido e del ministro del lavoro Iber Maraví, quest’ultimo in realtà con il destino già segnato, essendo pronta per lui la «censura», per i suoi presunti vincoli con Sendero Luminoso, da parte del Congresso. STRETTO...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.