closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Non basta lo scandalo Moro, i giudici lasciano Lula in prigione

Brasile. La Corte suprema: in cella fino all’esame della richiesta di scarcerazione. Se ne riparla ad agosto. Intanto Greenwald, fondatore di Intercept, viene sentito dalla Camera dei Deputati

Un sostenitore di Lula

Un sostenitore di Lula

Poteva essere, per la Corte Suprema, l’occasione per iniziare a smarcarsi, seppure tardivamente, dalla più grande farsa giudiziaria della storia del Brasile. Ma non è stato così. Per tre voti a due, i giudici della seconda sezione del Supremo tribunale federale hanno deciso che Lula resterà in carcere finché non sarà concluso l’esame della richiesta di scarcerazione avanzata dalla difesa dell’ex presidente sulla base dell’accusa di parzialità nei confronti dell’ex giudice Sérgio Moro. Su tale richiesta i cinque giudici avrebbero dovuto pronunciarsi – dopo un tentativo di rinvio, poi smentito, da parte della presidente Cármen Lúcia – proprio nella sessione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.