closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Brasile le privatizzazioni più selvagge della storia latino-americana

Era Bolsonaro. Manovre anche intorno a Petrobras, emblema del nazionalismo verdeoro. Che resterà al centro del dibattito soprattutto ora che Lula è tornato sulla scena politica

Rio de Janeiro, febbraio 2020, lavoratori del settore petrolifero in sciopero contro i piani di privatizzazione di Petrobras

Rio de Janeiro, febbraio 2020, lavoratori del settore petrolifero in sciopero contro i piani di privatizzazione di Petrobras

La pandemia non ferma le manovre intorno alla Petrobras, la più grande impresa dell’America latina ed emblema del nazionalismo brasiliano. Sul terreno petrolifero si sono giocate in questi anni importanti partite che, tra successi e scandali, hanno modificato gli equilibri politici del Brasile. A FINE FEBBRAIO di quest’anno è stato Bolsonaro a prendere l’iniziativa, nominando ai vertici della compagnia l’ex generale dell’esercito Joaquim Silva e Luna, in sostituzione di Roberto Castello Branco, in carica dal 2019. Bisogna risalire al 1989 per trovare un altro militare, retaggio del vecchio regime, alla guida della società petrolifera. Il cambio voluto da Bolsonaro ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.