closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Volkswagen, scandalo mondiale, Bruxelles sapeva dal 2011

Il retroscena. I ricercatori della stessa Unione europea hanno segnalato l'anomalia sulle emissioni in uno studio del 2011. Due anni dopo avevano la soluzione, ma le lobby hanno bloccato Bruxelles, ammorbidendo i criteri delle direttive. Ma oggi lo scontro è di potere: gli Usa puntano solo la competizione tedesca, mentre lo scandalo potrebbe (dovrebbe) aprire gli occhi su Ttip e indipendenza delle autorità di controllo

Volkswagen

Volkswagen

Una trama degna di Michael Crichton quella che si va svelando nell’affaire Volkswagen, se non fosse che non di un romanzo si tratta ma di uno scontro di potere ai massimi livelli. La storia – diversamente da quel che si legge in giro - inizia nel 2011 presso un ente della Comunità europea, precisamente l’Istituto per l’energia e i trasporti con sede a Ispra (Varese). Un gruppo di ricercatori, tra cui due italiani, mettono a punto un test di misura delle emissioni che non si svolge in laboratorio ma on the road, cioè con la vettura in movimento. La conclusione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi