closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vaccini per i palestinesi, tante voci poche certezze

Covid-19. In Israele la campagna di immunizzazione partirà il 23 dicembre, nessuna data invece per i palestinesi costretti a contare sugli aiuti internazionali

Gaza, misure anti-Covid

Gaza, misure anti-Covid

Il dottor Ali Abed Rabbo getta acqua gelata sul cauto ottimismo generato in Cisgiordania dalle voci dell’arrivo, già a primi di gennaio, di 150mila dosi del vaccino russo Sputnik V. «Non ho conferma di ciò che riportano i giornali locali» dice al manifesto Abed Rabbo, direttore generale del ministero della sanità palestinese per i servizi di emergenza. «Potrebbero arrivare - aggiunge - un numero limitato di dosi nel quadro del Covax Facility, il programma dell’Oms che garantisce l’accesso equo ai vaccini. E le useremo per vaccinare il personale medico e, speriamo, un po’ delle persone più esposte alle conseguenze gravi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi