closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Un’ora di educazione sentimentale per tutti

Fate i Cattivi. Le proposte di legge sull'educazione alle differenze nelle scuole. In un paese che registra un aumento continuo dei femminicidi e delle violenze sulle donne, dove aumentano le discriminazioni di genere, l’omofobia e il bullismo qualcosa si muove

Illustrazione di Luna Sanchini

Illustrazione di Luna Sanchini

L’Italia, insieme alla Grecia, sono gli unici paesi europei a non avere una legge sull’educazione sentimentale nelle scuole. In un paese che registra un aumento continuo dei femminicidi e delle violenze sulle donne, dove è sensibili e ampiamente riconosciuto l’aumento delle discriminazioni di genere, l’omofobia, il bullismo qualcosa tuttavia si è mosso. La crescita del movimento per l’educazione alle differenze nelle scuole ne è la prova: la società italiana - e chi vive in prima persona la scuola: docenti, genitori, studenti - è pronta. Lo dimostra il successo dei laboratori, dei progetti delle associazioni con gli enti locali, la disponibilità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi