closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Un paese commissariato, ci vorrebbe un manifesto

Michele Santoro

Michele Santoro

Sono passati cinquant’anni e l’Italia si è come rimpicciolita. È diventata un Paese senza Stato e senza Mercato, dominato dal familismo, dal lobbismo e da consorterie di ogni genere. Il dibattito politico si confonde con il chiacchiericcio; i cosiddetti leader nascono, crescono e tramontano come i personaggi di una «soap». Anche la cultura sembra avvitarsi nella stessa spirale, incapace di creare scandalo, prigioniera delle attese dei lettori e spettatori, ridotta ad appendice degli algoritmi di Netflix e Amazon. In generale il Movimento non movimenta più. L’indignazione si è privatizzata. Nessuno parla più di casta: nei titoli di coda dei film...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.