closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un muro di manganelli contro la prima carovana migrante del 2021

Centramerica. Bloccati dalla violenza degli agenti guatemaltechi i 9mila onduregni in cammino da giorni verso gli Stati Uniti. Non si passa ma si continua a partire, la disperazione può più dei fallimenti: l'Honduras è stremato da povertà e dittatura

Migranti honduregni picchiati dalla polizia a Vado Hondo, Guatemala

Migranti honduregni picchiati dalla polizia a Vado Hondo, Guatemala

È bloccata da sabato nella città di Vado Hondo, nel dipartimento guatemalteco di Chiquimila, la gran parte dei circa 9mila honduregni partiti da San Pedro Sula, tra mercoledì e venerdì, con la prima carovana dell’anno diretta negli Stati uniti. Se la presenza di tante famiglie con bambini aveva indotto gli agenti di frontiera a El Florido a non opporre resistenza, la pietà ha avuto breve durata: a fermarli, a colpi di manganelli e di lacrimogeni, sono state le forze di sicurezza guatemalteche, responsabili del ferimento di un numero imprecisato di persone. Solo un gruppo di migranti è finora riuscito ad...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.