closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Un anno con di Díaz-Canel a Cuba

Bilancio e prospettive. Il primo presidente che non si chiama Castro ha dato il via al nuovo corso. Ma le dure sanzioni di Trump che ora si aggiungono a 60 anni di embargo rischiano di far precipitare l’isola verso un altro «periodo speciale»

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel (con dietro il suo predecessore Raúl Castro) al congresso del Pcc che lo ha incoronato leader nel 2018

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel (con dietro il suo predecessore Raúl Castro) al congresso del Pcc che lo ha incoronato leader nel 2018

IQuando un anno fa aveva giurato come nuovo presidente di Cuba – il primo dal 1960 a non avere il cognome Castro - Miguel Díaz-Canel aveva chiaro il compito che gli era assegnato: modernizzare il paese nella continuità con linea politica che i suoi due predecessori avevano stabilito. Lo slogan era: giungere a un socialismo prospero e sostenibile. INGEGNERE, 58 ANNI la maggior parte dei quali trascorsa a salire i vari gradi del partito-stato - il Pcc - e con esperienza nel governo era il candidato «più preparato» per garantire la transizione a un governo retto dalla nuova generazione, quella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.