closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Stragi in carcere e silenzi di Stato

Fuoriluogo . La rubrica settimanale a cura di autori vari

Dell’eccidio di persone detenute avvenuto nelle carceri un anno fa sono due le cose che maggiormente colpiscono: il numero senza precedenti delle vittime, 13, e la spessa coltre di silenzio immediatamente calata al riguardo; anch’essa inaudita, quanto meno nell’essere pressoché generalizzata. Eppure, proprio il drammatico numero dei morti e le voci di pestaggi di massa subito circolate avrebbero dovuto mobilitare l’attenzione almeno di una parte dei media, oltre che delle associazioni che sul carcere normalmente sono impegnate. In passato è spesso avvenuto, ma non questa volta. Solo tardivamente, molti mesi dopo i fatti, il mainstream sembra essersi timidamente risvegliato, prima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi