closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Storie intrecciate di vagabondaggi sociali, fra nobili e proletari

Cannes 74. Alla Quinzaine il film «Re Granchio» della coppia Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, una delle più belle proiezioni viste finora in Croisette

Nel Re Granchio ci sono due films che crescono uno dentro l’altro. Anzi, tre. Il primo nasce ai giorni nostri. Siamo alla tavola di Ercolino, un romano «de Roma» che da alcuni anni ha deciso di vivere a Vajano, in Tuscia, dove ha costruito un rifugio che si riempie dei cacciatori della zona. I cacciatori parlano, bevono, raccontano storie. Due di queste avevano dato luogo ai primi due film documentari della coppia Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis. La terza, la leggenda del re granchio, era, come dicono loro, «più vasta ma anche meno dettagliata». C’era tutto da riscrivere,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.