closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Storie di clandestinità e passione

Scaffale. «Amori comunisti» di Luciana Castellina, edito da nottetempo. «Per chi si fa coinvolgere dalla Storia fino in fondo, la vita privata e quella pubblica sono così strettamente intrecciate che a volte si confondono»

Nazim Hikmet e Münevver Andaç

Nazim Hikmet e Münevver Andaç

Che il pericolo allerti e faccia più acuta la memoria è un fatto ormai assodato. Il divieto di parlare non cauterizza le parole: le rende viceversa forti, anche se acquattate in uno spazio della mente a tentare di non dissolversi, a farsi forza reciprocamente. Tutti i regimi repressivi, tutte le dittature raccontano la stessa storia: l’ordine di tacere rende guerrigliere le parole. Le manda se mai in clandestinità: più agguerrite ancora, cercano una strada per non perdersi. Pretendono di dire, vogliono eludere la sorveglianza. Senza nulla con cui scrivere, Antonio Gramsci, nella prima fase della detenzione, cerca di imparare a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi