closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Spie culturali all’Avana

Intervista. Raúl Capote, agente segreto cubano infiltrato nella CIA, affida la sua storia a un libro

Un'automobile d’epoca all’Avana, foto di Raffaello Sciò

Un'automobile d’epoca all’Avana, foto di Raffaello Sciò

Raúl Antonio Capote, nato a L’Avana nel 1961, è un ex agente segreto sui generis. Profondo conoscitore di Gramsci, basta poco per accorgersi di avere di fronte un uomo colto e risoluto. Oggi è un professore di Storia, cultura e letteratura cubana ma per anni è stato un agente segreto cubano infiltrato nella CIA, con la quale ha iniziato a collaborare nei primi anni ‘80. Ha lavorato come agente effettivo dell’agenzia nordamericana dal 2004 al 2011. Sui generis perché la guerra che ha combattuto, svolgendo attività di controspionaggio, si è giocata sul campo dell’immaginario, dei sogni e dei valori e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.