closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Richard Russo e le perturbanti verità d’America

L'intervista. Parla lo scrittore vincitore del Pulitzer, autore di «Le conseguenze», pubblicato da Neri Pozza. Dagli anni del Vietnam all’elezione di Trump, un romanzo tra memoria, incertezza e perdita

 Particolare da «Hell’s Kitchen» di Adam Keller. In basso, Richard Russo

Particolare da «Hell’s Kitchen» di Adam Keller. In basso, Richard Russo

È nel retro della cucina di una confraternita studentesca del college Minerva nel Connecticut che Lincoln, Teddy e Mickey assistono il 1 dicembre del 1969 all’estrazione della prima lotteria nazionale di reclutamento di soldati per la guerra del Vietnam. Tra il ’69 e il ’73, quando sarà abolita la leva obbligatorio, migliaia di giovani americani, estratti a sorte per giorno di nascita, apprenderanno così, attraverso la tv che trasmette la cerimonia, cosa gli riservi il destino. Figli della classe media, cresciuti nell’Ovest del Paese e arrivati in un college importante solo grazie a una borsa di studio, i tre giovani...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi