closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Catastrofe umanitaria, Bolsonaro ora rischia grosso

Jair Bolsonaro, il «principale responsabile della maggiore catastrofe umanitaria della storia del Brasile», come lo ha definito il neuroscienziato Miguel Nicolelis, ora rischia davvero grosso: l'apertura della Commissione parlamentare d'inchiesta su azioni e omissioni del governo nella gestione della pandemia, definita anche «Cpi del genocidio», potrebbe sferrare un colpo decisivo alla sua popolarità già in declino. A confermare la decisione del giudice del Supremo tribunale federale Luís Roberto Barroso, che l'8 marzo aveva ordinato al presidente del Senato Rodrigo Pacheco l'apertura della Cpi, è stata mercoledì la plenaria dello stesso Stf, richiamandosi ai diritti alla vita e alla salute, oltre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi