closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per riavere la benzina gli Usa pagano un riscatto

Dopo l'attacco informatico. La ripresa delle operazioni sarebbe avvenuta a seguito del pagamento di un riscatto di 5 milioni di dollari agli autori dell'attacco, il gruppo di cyber criminali russi DarkSide

Le code ai benzinai in America dopo l'attacco informatica alla pipeline

Le code ai benzinai in America dopo l'attacco informatica alla pipeline

L'oleodotto Usa Colonial Pipeline ha finalmente ripristinato la totalità delle sue operazioni dopo un arresto di una settimana causato da un attacco ransomware, un tipo di malware che per essere disinnescato richiede l'intervento di chi ha compiuto l'azione di pirateria. In molti casi affinché questo accada viene richiesto un pagamento, un vero e proprio riscatto. E per il Colonial Pipeline saremmo di fronte a questo scenario, almeno secondo quanto rivelato dall'agenzia Bloomberg, secondo la quale la ripresa delle operazioni sarebbe avvenuta a seguito del pagamento di un riscatto di 5 milioni di dollari agli autori dell'attacco, il gruppo di cyber...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.