closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La gogna degli espulsi

Mali. Rischiano la vita cercando miglior fortuna altrove. Se respinti o costretti a tornare nei paesi di partenza la loro sorte è segnata: vengono emarginati. Storie di migranti di ritorno in Mali

Murales.

Murales.

All’aeroporto Modibo Keïta- Sénou di Bamako i migranti espulsi dalla Francia sbarcano tutte le settimane. «Non importa che ci sia il covid-19 o no, dall’Europa continuano ad arrivare voli con a bordo giovani maliani a cui non è stato riconosciuto un regolare permesso di soggiorno», racconta Ousmane Diarra, presidente l’Associazione Maliana degli Espulsi (Ame). REALTÀ MALIANA CREATA nel 1996, l’Ame è stata costituita al fine di rappresentare i numerosi rimpatriati, in un paese dove i cosiddetti migranti di ritorno non sono assistiti né incoraggiati a reintegrarsi. «Alcuni di loro hanno vissuto all’estero anche vent’anni e quando rientrando si sentono alienati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi