closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lucio Lombardo Radice, nella strada dell’antifascismo

Novecento. «Da Regina Coeli a Civitavecchia. Lettere dal carcere 1939-1941», a cura Claudio Natoli, per Viella. La corrispondenza con la famiglia nei due cupi e drammatici anni di reclusione consta di 119 missive. Già presenti le istanze di liberazione che portarono donne e uomini al rovesciamento del regime. Dal 1939, con tanti suoi compagni, è prigioniero della dittatura dopo l’arresto e la condanna da parte del Tribunale Speciale di Difesa dello Stato per «attività comunista»

Lucio Lombardo Radice, a destra, e Gianfranco Mattei. Arrestato dai nazisti e torturato, quest'ultimo scelse di togliersi la vita nel carcere di Via Tasso nella notte tra il 6 e il 7 febbraio del 1944

Lucio Lombardo Radice, a destra, e Gianfranco Mattei. Arrestato dai nazisti e torturato, quest'ultimo scelse di togliersi la vita nel carcere di Via Tasso nella notte tra il 6 e il 7 febbraio del 1944

«La conclusione di due anni di vita così importanti meriterebbe notevoli considerazioni fisio-psicologiche; i dettagli li rimando a voce sulle forze certo non è da dare un giudizio sicuro Sulle energie morali posso fare invece assai più sicuro affidamento: perché credo che non esista vita che richieda un così continuo controllo di sé e dei suoi rapporti umani come quella del recluso». Quando l’8 dicembre 1941 Lucio Lombardo Radice, ormai prossimo alla scarcerazione, scrive alla sua famiglia queste righe l’esistenza sua e dell’Italia sono immerse nella tragedia della Seconda Guerra Mondiale scatenata da Hitler e Mussolini. Dal 1939 Lombardo Radice,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.