closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Libano, la protesta fa vacillare anche il consenso per Hezbollah

Beirut. Anche in Libano del sud cresce la rabbia contro la classe dirigente. E non risparmia il movimento sciita non più in grado di garantire assistenza sociale e servizi alla sua base

Proteste a Beirut

Proteste a Beirut

La città di Nabatiyeh è l’anima del Jabal Amil, la roccaforte sciita nel sud del Libano. Si dice che lo sciismo duodecimano sarebbe fiorito da queste parti ben prima che nello stesso Iran. Un luogo cruciale per la fede, che rappresenta una delle fortezze dei partiti sciiti Hezbollah e Amal che qui, come nel resto del Libano meridionale, godono di grandi sostegni. Perciò aver visto nei giorni scorsi a Nabatiyeh e Tiro, altra roccaforte sciita, una  esplicita quando rara contestazione di Hezbollah e Amal, spiega quanto sia diffusa e senza bandiere la rabbia dei libanesi contro l’intera classe dirigente, senza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.