closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’esodo dei cristiani d’Iraq, Ninive non è più la stessa

Il viaggio di Bergoglio. Le violenze e la persecuzione dell'Isis hanno svuotato la piana. Sono rientrate solo in parte le famiglie fuggite nel 2014 davanti all'avanzata dei jihadisti. E ora c'è chi sogna un Cristianistan autonomo

Iraq. Un poster in strada annuncia l'arrivo di papa Bergoglio

Iraq. Un poster in strada annuncia l'arrivo di papa Bergoglio

Era l’estate del 2017 quando Labib Rammo, sua moglie e i suoi sei figli divennero noti in tutto l’Iraq come la prima famiglia  di fede cristiana a rientrare nella cittadina di Karamles. Un ritorno che da un lato simboleggiava la sconfitta, almeno militare, di Daesh (l’Isis) che aveva seminato morte e distruzione nella piana di Ninive e nel territorio circostante, e dall’altro segnalava un nuovo inizio per i Caldei, una delle comunità cristiane più antiche del mondo ed erede dell’arcaica civiltà assira. A oltre tre anni di distanza quella speranza e in buona parte svanita. Papa Bergoglio in Iraq non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi