closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La voce, il solista jazz e le zone d’ombra

Doppio passo /1. Billie Holiday e Lester Young o, se volete, solo Lady Day e Prez: due amici inseparabili che hanno condiviso l’amore per il ritmo e la loro disperazione

Billie Holiday e Lester Young

Billie Holiday e Lester Young

In un mondo di Count, Duke e King lui era solo Prez, the President, il Presidente. Il migliore, ma senza bisogno di attribuirsi sangue blu. Il soprannome lo aveva coniato la sua migliore amica e una gemella artistica: Eleonora Fagan, meglio nota come Billie Holiday, poi per tutti «Lady Day». Era stato uno scambio di favori. Billie era già «Lady» e Prez aveva l’abitudine di chiamare così tutti i musicisti, anche i maschi, proprio come l’immaginario sassofonista Dale Turner interpretato dal grande Dexter Gordon nel capolavoro di Tavernier ’Round Midnight di cui proprio Lester Young è, con alcuni tratti del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.