closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La solita ingerenza Usa ostacola il dialogo a Cuba

Americhe. Le nuove sanzioni target Biden frenano la riconciliazione nazionale avanzata da L’Avana e dagli intellettuali dell'isola caraibica. Il presidente Díaz-Canel nega le violenze sui manifestanti, poi apre alle loro richieste

Scaffali semivuoti in una farmacia de L’Avana: la carenza di medicinali è tra le ragioni della protesta delle scorse settimane

Scaffali semivuoti in una farmacia de L’Avana: la carenza di medicinali è tra le ragioni della protesta delle scorse settimane

Dopo quasi sette mesi di «revisione della politica degli Stati uniti verso Cuba», l’Amministrazione di Joe Biden ha partorito esattamente la stessa linea del suo predecessore Donald Trump: sanzioni per far cadere il governo socialista dell’isola. Il presidente Biden ha messo in chiaro che quelle prese nei giorni scorsi contro il ministro della Difesa cubano e contro la brigata antisommossa dei “baschi neri” «sono solo l’inizio». E che seguiranno altri provvedimenti allo studio. Si tratta di misure che in apparenza vanno nel senso delle richieste di buona parte della popolazione dell’isola. Ma che nascondono – e nemmeno molto – sempre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.