closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La sindrome del dentifricio

Storie. «Meritiamo di più, vogliamo di più e possiamo fare di peggio»... La rivolta degli studenti francesi contro la «Loi travail» è ormai uscita dal "tubetto" e sarà difficile farla rientrare. Il racconto di una giornata di movimento, tra entusiasmo e repressione

Parigi,  9 marzo 2016, Assemblea generale degli studenti

Parigi, 9 marzo 2016, Assemblea generale degli studenti

La chiamano la «sindrome del dentifricio» e la usano per descrivere le ondate di ribellione degli studenti francesi che dal ’68 in poi hanno scandito la storia dei movimenti sociali: una volta che la pasta fuoriesce dal tubo, è difficile rimetterla a posto. È stato così nel 2006 quando l’esplosione implacabile delle manifestazioni studentesche è riuscita a far fare marcia indietro al governo Villepin sul Contratto di primo impiego (Cpe), un provvedimento che avrebbe permesso di licenziare senza giustificazione i dipendenti under 26 entro due anni dall’assunzione. E ora, nel corso degli ultimi dieci giorni, nonostante il clima asfissiante inaugurato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.