closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La sanità di Obama è salva, i diritti Lgbtq+ non ancora

Stati Uniti. La sentenza della Corte suprema rigetta la richiesta di cancellazione dell'Affordable Care Act presentata dagli Stati repubblicani. Ma dall'inizio del 2021 sono state approvate oltre 110 leggi anti-trans. Colpiti soprattutto gli adolescenti

Presidio Lgbtq+ davanti alla Corte suprema a Washington

Presidio Lgbtq+ davanti alla Corte suprema a Washington

La Corte suprema ha archiviato l’ennesima causa che minacciava l’intero Affordable Care Act (Aca), dichiarando che gli Stati guidati dai repubblicani che avevano presentato il caso non hanno le basi legali per contestare la storica legge sull’assistenza sanitaria voluta da Obama. La decisione presa con un 7 a 2 preserva l’assicurazione sanitaria per milioni di persone, incluse le protezioni per chi ha condizioni preesistenti, e potrebbe essere il capitolo finale degli attacchi legali all’Affordable Care Act. Secondo gli Stati repubblicani che avevano portato il caso alla Corte suprema, l’intera legge doveva essere dichiarata non costituzionale perché nel 2017 era stato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.