closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La fantascienza italiana tra impegno e distopia

Cinema 1969. La produzione di film di genere fa esplodere la seconda età dell’oro del nostro cinema: tra western e space opera la critica socio-politica non conosce confini

Nella seconda «Golden Age» del nostro cinema, negli anni Sessanta, è boom della produzione di genere. Oltre alla commedia all’italiana, lo spaghetti western e l’horror movie, non manca la fantascienza, anche se è restata limitata a una produzione poco numerosa e di serie B che scimmiottava la ben più ricca e tecnologica «Space opera» d’oltreoceano. Gli effetti speciali erano abbastanza poveri pur se a tratti ingegnosi, le trame essenziali e poco innovative mentre spesso si camuffava l’origine autarchica dei prodotti sotto le mentite spoglie di pseudonimi americani. Non si può qui entrare nell’analisi dettagliata del genere, nato in concomitanza con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.