closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La crisi energetica non genera unità. Ogni paese procede in ordine sparso

Ue. Riunione dei ministri dell'Ambiente in Lussemburgo. Gli schieramenti si contrappongono e bloccano ogni decisione comune

Energia eolica

Energia eolica

La patata bollente della crisi energetica, scatenata dall’impennata dei prezzi del gas aumentati del 200% in pochi mesi sul mercato internazionale, era ieri nelle mani dei ministri dell’Ambiente, riuniti a Lussemburgo. Dopo i tentennamenti del Consiglio europeo della scorsa settimana, è ancora nulla di fatto, come già da mesi: la battaglia resta sul breve termine, a pochi giorni dalla Cop26 di Glasgow l’angoscia dell’immediato paralizza sulle decisioni per il prossimo avvenire, di fronte a una crisi climatica «catastrofica» (dichiarazione del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres). I 27 restano divisi. Ci sono tre schieramenti che si contrappongono e che bloccano ogni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.