closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La brigata dei «leoni», i Sinti e i Rom nella Resistenza italiana

Resistenza . La storia dei Leoni di Breda Solini, un battaglione attivo al confine tra l'Emilia e la Lombardia, completamente formato da sinti

Perseguitati tra i perseguitati, dimenticati tra i dimenticati. Le popolazioni romanì (rom, sinti, manush, kalé) hanno due nomi per indicare quello che è accaduto loro negli anni '40 del Novecento: «Porrajmos» e «Samudaripen», ovvero «grande divoramento» e «tutti uccisi». Era l'11 settembre del 1940 quando tutte le prefetture del Regno d'Italia ricevettero una circolare telegrafica del capo della polizia Arturo Bocchini: «Rastrellamento di tutti gli zingari», era l'ordine da eseguire ovunque e nel minor tempo possibile. «Comportamenti antinazionali» e «implicazioni in gravi reati» erano le accuse. Solo qualche mese dopo, nell'aprile del 1941, il ministero dell'Interno diede qualche indicazione sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi