closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Il movimento della scuola è più forte dei ricatti di Renzi

Contro il Ddl Renzi-Pd. Sit-in, scioperi della fame, proteste: il ritratto della straordinaria vitalità di un movimento che ha messo in crisi il governo del «fenomeno» Renzi. Ieri presidio al Pantheon a Roma, oggi flash-mob in 20 città: «Ritiro del Ddl, assumere i precari è possibile». Renzi pensa a un maxiemendamento su cui mettere la fiducia e tagliare corto con l'opposizione interna e esterna

Manifestazione della scuola ieri al Pantheon a Roma

Manifestazione della scuola ieri al Pantheon a Roma

Scioperi della fame a staffetta da Bologna a Ferrara, Modena e Lamezia Terme. Oggi in serata flash mob a valanga in tutto il paese. Ieri un nuovo e popolato presidio al Pantheon a Roma. E ancora sit-in con docenti incatenati ai cancelli dell’istituto Dettori a Cagliari, un treno da Catania a Randazzo che lancia l’appello ai senatori: «Fermatevi!». E infine accampamenti per dormire nelle piazze. Il movimento contro la riforma della scuola non conosce soste. Anche dopo il termine dell’anno scolastico si rinnova, inventa nuove forme di protesta, anche estreme, rivela una creatività inesauribile. La scuola è al centro di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.