closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Il corpo a corpo con il Pci e l’Unità

#ilmanifesto50. Berlinguer e il rinvio dell’uscita della Rivista: «Non fatemi incontrare i sovietici con questo peso»

Paolo Mieli, tra le altre cose, ha diretto La Stampa prima e il Corriere della Sera poi dal 1990 al 2009

Paolo Mieli, tra le altre cose, ha diretto La Stampa prima e il Corriere della Sera poi dal 1990 al 2009

L’uscita del primo numero del manifesto non passò inosservata. I più importanti giornalisti dell’epoca accolsero l’evento con commenti positivi. E fu una sorpresa, dal momento che quasi nessuno di loro aveva fatto proprie, neanche in piccola parte, le idee politiche del quotidiano. Anzi. Tutti apprezzavano il coraggio dell’iniziativa, ma subito si sentivano in dovere di prendere le distanze dai contenuti. Non era perciò scontato che lo elogiassero pressoché all’unanimità. Vittorio Gorresio ne parlò come di un foglio «intellettualmente raffinato» che, indipendentemente da opinioni e orientamenti che si potevano «non condividere» (questa fu la formula di rito che usarono in molti),...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi