closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ieri nuova udienza, per Zaki poche speranze

Egitto. L'avvocata Nasrallah teme l'ennesimo rinnovo della detenzione e avverte sul difficile stato psicologico dello studente dell'Università di Bologna. Tenuti fuori dall'aula i diplomatici stranieri 

Patrick Zaki

Patrick Zaki

Ieri si è svolta l’ennesima udienza per il rilascio o la conferma della detenzione cautelare per Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna in carcere in Egitto dal 7 febbraio 2020. I diplomatici presenti (di Italia, Francia, Canada e Stati uniti) non sono stati fatti entrare nonostante avessero il permesso della corte. La decisione è attesa per oggi o domani. Ma la legale di Patrick, Hoda Nasrallah, si dice pessimista dopo un anno e due mesi di prolungamenti della detenzione, prima di 15 giorni e ora di 45: «Non credo nella scarcerazione visti i continui rinnovi - ha detto all’Ansa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi