closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

I grandi assenti dal dibattito israeliano: razzismo, crisi, occupazione

Elezioni in Israele. Un referendum pro o contro Netanyahu. Dalla campagna elettorale sono rimasti fuori i gravi errori del governo sulla pandemia, le difficoltà delle piccole imprese e dei lavoratori e la questione palestinese

La campagna elettorale di Netanyahu

La campagna elettorale di Netanyahu

Mentre scriviamo non sono ancora noti i risultati finali delle elezioni in Israele, testa a testa fra i due blocchi. Ma di cosa si è discusso nelle attuali elezioni? Il dilemma, per gli israeliani, è stato solo «Bibi o non Bibi». Nemmeno il Covid. L’opposizione non ha analizzato l’alto numero di vittime dell’epidemia. Né lo scandaloso livello di inettitudine organizzativa del governo israeliano, mentre il reuccio Bibi ha calato due carte vincenti: «Io, io ho comprato milioni di dosi di vaccini, ed ecco che l’epidemia sembra svanire... io, io vi faccio tornare alla normalità, andate al ristorante, andate a fare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi