closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Gkn, la Fiom avverte il Mise: “La fabbrica deve ripartire”

Delocalizzazioni. All'indomani del lunghissimo e suggestivo corteo di mercoledì, con 4.000 manifestanti, i metalmeccanici della Cgil chiamano il ministero dello Sviluppo economico a riaprire il confronto con il fondo Melrose, chiedendo l'intervento del governo e di Mario Draghi: "Va rispettata la responsabilità sociale, come previsto dalla Costituzione”.

La partenza del corteo di mercoledì in piazza della Signoria

La partenza del corteo di mercoledì in piazza della Signoria

Con negli occhi ancora il lunghissimo e suggestivo corteo della notte, aperto dalla bandiera originale della brigata partigiana “Vittorio Sinigaglia” protagonista della liberazione di Firenze dal nazifascismo, gli operai della Gkn vanno avanti con l'assemblea permanente all'interno del “loro” stabilimento. Un altro giorno è passato, e pur senza troppe illusioni a Campi Bisenzio si attendono notizie dal ministero dello Sviluppo economico, dove all'inizio del mese i padroni del fondo Melrose avevano chiesto “qualche ora” per rispondere alla proposta della viceministra Todde di ritirare i licenziamenti, e accettare 13 settimane di cig – tutta pagata dallo Stato – mentre nel frattempo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.