closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Genocidio in Namibia, Berlino ammette ma non risarcisce

113 anni dopo. La Germania vorrebbe chiudere il contenzioso per i 65 mila pastori sterminati durante il periodo coloniale con 1 miliardo per lo sviluppo. Ma neanche un cent andrà ai discendenti delle vittime: «È un insulto»

La protesta immediata e spontanea delle opposizioni namibiane ieri nelle strade della capitale Windhoek

La protesta immediata e spontanea delle opposizioni namibiane ieri nelle strade della capitale Windhoek

In Namibia i tedeschi commisero un vero e proprio genocidio. A 113 anni di distanza, dopo un lustro di negoziati bilaterali, la Germania ammette ufficialmente la sua responsabilità per lo sterminio dei popoli Herero e Nama durante la colonizzazione della Deutsch-Südwestafrika tra il 1904 e il 1908. Un mea culpa atteso e doveroso quanto tardivo e più che parziale, che Berlino vorrebbe cancellare dalla coscienza nazionale versando 1,1 miliardi di euro «per lo sviluppo» del Paese africano nei prossimi 30 anni. «Qualificheremo questi eventi per quello che sono dalla prospettiva odierna: un genocidio. E alla luce della nostra responsabilità storica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.