closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Cuba riscrive la rivoluzione

Magna carta. Iniziate le discussioni sulla nuova Costituzione in fabbrica, a scuola, nei quartieri. 135mila riunioni per modernizzare l’isola: apertura regolata al mercato, proprietà privata e matrimoni gay. Conservando però il controllo politico, affidato al partito comunista

Al policlinico Nguyen Van Troi de L'Avana le infermiere partecipano al dibattito sulla nuova carta

Al policlinico Nguyen Van Troi de L'Avana le infermiere partecipano al dibattito sulla nuova carta

Lunedì scorso, anniversario della nascita di Fidel Castro, è iniziato un gigantesco programma di analisi del progetto di nuova Costituzione, approvato lo scorso 22 luglio dall’Assemblea nacional del Poder popular (il parlamento unicamerale). Sono previste 135.000 riunioni nelle fabbriche, le caserme, i luoghi di studio e di lavoro, i quartieri e anche nelle comunità all’estero. Saranno condotte da 7.600 coppie appositamente preparate. Sono già state stampate e messe in vendita (al prezzo di circa quattro centesimi di euro) 800mila copie del testo del progetto. E comunque è possibile scaricare il testo gratuitamente nei centri internet dell’ente statale di telecomunicazioni, Etecsa....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.