closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Chiara Saraceno: «La povertà è un dramma, va riformato il reddito di cittadinanza»

Istat: un milione di poveri in più in un solo anno, mai così da 15 anni. Intervista alla sociologa Chiara Saraceno: «Il reddito di cittadinanza oggi esclude i lavoratori poveri che hanno perso l’attività nella crisi e non va legato alle politiche attive del lavoro. E in più occorrono ammortizzatori sociali meno frammentati, una politica dei servizi, della casa e una sanità di prossimità»

Chiara Saraceno, autrice tra l'altro di

Chiara Saraceno, autrice tra l'altro di "Il lavoro non basta" (Feltrinelli)

Professoressa Chiara Saraceno per l’Istat le conseguenze sociali e economiche innescate dalla pandemia del Covid hanno creato un milione di poveri in più. Chi è stato colpito? Sono dati tragici, ma non sorprendenti. Cosa ci aspettavano che succedesse in questi mesi con tutte le persone che hanno perso il lavoro, quindi una fonte di reddito, e tra quelle che non hanno perso il lavoro ma il reddito con la cassa integrazione? Molti sono finiti in povertà assoluta. Il dato preoccupante i è che è aumentata la povertà assoluta nelle famiglie di lavoratori. Formalmente non sono disoccupati, saranno in cassa integrazione,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.