closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Cantano Bella Ciao, finiscono sotto processo

Stop Forza Nuova. A Modena 26 giovani sono imputati da tre anni per "manifestazione non autorizzata" dopo aver protestato, cantando, di fronte a una iniziativa di piazza neofascista. L'avvocato Fausto Gianelli che li difende: "Nessun megafono, nessuno che ha preso la parola. Hanno solo cantato".

Un presidio antifascista

Un presidio antifascista

Da tre lunghi anni 26 giovani antifascisti del modenese sono sotto processo per aver cantato Bella Ciao in pubblico. E il fatto che il giudice di merito abbia preso tempo per decidere dopo l'udienza finale di ieri - la sentenza è fissata per il 16 luglio prossimo – allunga ulteriormente l'attesa degli imputati. Protagonisti loro malgrado di una storia che ha dell'incredibile, e che ha un precedente: già nel 2011 a Isernia ci fu un processo a sette antifascisti che cantarono Bella Ciao nel corso di un'assemblea pubblica. In quel caso all'assoluzione generale si accompagnò il deferimento presso la procura,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi