closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aung San Suu Kyi rischia due anni di carcere. Da Cina e Russia stop all’Onu

Militari per le strade di Mandalay, Myanmar

Militari per le strade di Mandalay, Myanmar

Dopo il colpo di stato dei militari in Myanmar si complica la posizione di Aung San Suu Kyi, leader della Lega nazionale democratica e premier de facto del paese (non poteva esserlo ufficialmente perché la legge birmana vieta a chi è sposato a stranieri di avere incarichi pubblici): ieri i militari l’hanno incriminata per la presunta importazione illegale di ricetrasmittenti. I «walkie-talkie» sarebbero stati rinvenuti nell’abitazione della 75enne consigliera di Stato birmana nel corso di una perquisizione delle forze dell’ordine: secondo la polizia, come riportato da Agenzia Nova, i dispositivi sarebbero stati «importati illegalmente e usati senza permesso». Ora rischia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.