closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Assange sconfitto: gli Usa potranno fare ricorso contro il no all’estradizione

Uk/Usa. I legali statunitensi potranno mettere in discussione la diagnosi di autismo e di rischio di suicidio, citando i due figli avuti dalla compagna. Protesta davanti alla corte in solidarietà con il fondatore di Wikileaks

La protesta ieri a Londra a favore di Assange

La protesta ieri a Londra a favore di Assange

Nuovo intoppo in quell’incubo kafkiano che sono la vita e la vicenda giudiziaria di Julian Assange. Mesi fa la Corte suprema britannica aveva deciso che l’attivista australiano non avrebbe potuto essere estradato negli Stati uniti per problemi di salute e, in particolare, per il rischio evidente che potesse togliersi la vita. Ora la muta di legulei americani ricorrerà in appello contro quella sentenza e sta cercando di rimettere in discussione la diagnosi di autismo – e quindi del rischio di suicidio – su cui questa si basa. E ci è riuscita. Pronunciata l’anno scorso dal neuropsichiatra del King’s College Michael Kopelman,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.