closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ancora in piazza contro il golpe: l’esercito reprime, cinque uccisi in Sudan

Africa. Crescono le manifestazioni contro le forze armate, responsabili del colpo di stato che ha rimosso il governo congiunto con i civili. Proiettili sulla folla: almeno cinque i morti, decine i feriti

Marcia contro il golpe a Khartoum

Marcia contro il golpe a Khartoum

Nel tardo pomeriggio di ieri era salito a cinque uccisi e decine di feriti il bilancio della dura repressione della nuova protesta anti-golpe in Sudan. Secondo il Comitato dei medici sudanesi, quattro sono stati uccisi da proiettili e uno da un candelotto lacrimogeno, sparati dalle forze militari, tra la capitale Khartoum e la città gemella Omdurman. Decine di migliaia i manifestanti che, nonostante le strade e i ponti tra le due città fossero stati chiusi, ieri sono scesi in strada per proseguire la lunga protesta cominciata immediatamente dopo il colpo di stato militare che il 25 ottobre scorso ha cancellato il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.