closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’amaro calice di Kabul: Anas Haqqani libero per riavvicinare Talebani e Usa

Afghanistan. Rilasciati tre alti esponenti del movimento in cambio di due docenti dell'American University. Così il governo prova a entrare nell'interlocuzione bilaterale tra Washington e islamisti

Miliziani talebani

Miliziani talebani

Vestiti a puntino, in abiti scuri appena stirati, in testa i turbantoni. Le foto che circolano sui social media mostrano Haji Mali Khan, Hafiz Rashid e Anas Haqqani, tre autorevoli esponenti dei Talebani, pronti a uscire dalla prigione. In cambio del rilascio dello statunitense Kevin King, 63 anni, e dell’australiano Timothy Weeks, 50, due docenti della American University of Afghanistan sequestrati a Kabul nel 2016. Un boccone amaro, una scelta «difficile ma necessaria», l’ha definita ieri il presidente Ashraf Ghani annunciando lo scambio di prigionieri in diretta televisiva. Assicura che servirà a favorire la pace e il negoziato diretto con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.