closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

A dieci anni dall’immolazione di Bouazizi la Tunisia è un puzzle

17 dicembre 2010-2020. Disoccupazione giovanile record, «giornate della collera» per tante categorie, un sistema politico senza visione di lungo periodo, il rischio di un ritorno al passato: un Paese in profonda crisi economica, sociale e sanitaria. Ma oggi pronto ai celebrare il decismo anniversario della rivoluzione (incompiuta) dei gelsomin

Tunisi, 21 gennaio 2011. Protesta in piena Rivoluzione dei Gelsomini di fronte al palazzo del governo

Tunisi, 21 gennaio 2011. Protesta in piena Rivoluzione dei Gelsomini di fronte al palazzo del governo

A dieci anni esatti dalla Rivoluzione dei gelsomini, la Tunisia è un puzzle scomposto in migliaia di pezzi che le forze politiche non sono mai riuscite a comporre. I tasselli chiari e ben definiti che raffiguravano le rivendicazioni civili e sociali del popolo tunisino si sono persi con il tempo e ora il governo si trova a fare i conti con la collera delle piazze. Nonostante il rafforzamento del processo democratico dopo la fuga del presidente autoritario Ben Ali, le proteste non si sono mai fermate. Nelle città di Jendouba, Kairouan, Gabes e nella capitale, attorno a place de la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi