closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

100 civili uccisi in Niger. E altri 2 soldati francesi in Mali

Escalation jihadista nel Sahel. Ondata di attacchi nel fine settimana. La duplice strage nigerina in concomitanza con il primo turno delle presidnziali. E Boko Haram torna a colpire in Camerun. L'analista Ibrahim Maiga: «Risposta militare finora inefficace, forse è meglio lavorare sulla governance e sul miglioramento delle condizioni di vita nelle aree rurali e di confine»

Il ritrono a casa dei quattro soldati francesi uccisi lo scorso 28 dicembre in Mali

Il ritrono a casa dei quattro soldati francesi uccisi lo scorso 28 dicembre in Mali

Almeno 100 civili sono stati uccisi sabato in due villaggi del Niger occidentale, Tchoma Bangou e Zaroumadareye. Secondo la ricostruzione delle autorità locali, un centinaio di miliziani divisi in due gruppi a bordo di motociclette, ha attaccato i villaggi che si trovano a circa 120 chilometri a nord della capitale Niamey, nella regione di Tillabéri, ormai tristemente conosciuta come «terra dei tre confini», vicina al Mali e al Burkina Faso. IL DUPLICE ATTENTATO, il più sanguinoso nella storia del paese, è stato perpetrato il giorno stesso della proclamazione dei risultati del primo turno delle elezioni presidenziali, che hanno visto il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.