closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Zubeidi «combattente per la libertà». Facebook censura giornalista ebrea

Israele/Territori occupati. Orly Noy, di Mekomit, è stata sospesa per tre giorni dal social di Mark Zuckerberg. Intanto la famiglia denuncia il pestaggio subito da Zubeidi dopo la cattura seguita alla sua fuga dal carcere di Gilboa. Dei sei evasi, due sono ancora liberi

Orly Noy è una attivista ebrea israeliana e una giornalista, di Mekomit (+972 la versione in lingua inglese) piuttosto conosciuta negli ambienti della sinistra. Ieri anche lei, come denunciano da tempo i palestinesi, ha fatto i conti con la censura di Facebook. Il social del miliardario Mark Zuckerberg l’ha bloccata per tre giorni per «violazione delle regole». Aveva scritto che Zakaria Zubeidi, il più noto dei sei prigionieri politici palestinesi evasi nella notte tra il 5 e il 6 settembre dal carcere di Gilboa, è un «combattente per la libertà». Nel testo, ha spiegato la giornalista, «ho presentato il contesto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.