closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Vivere (a metà) e «prosperare» a Kakuma

Storie di resilienza e creatività. Un luogo «abitato provvisoriamente» da 26 anni, che ospita quasi 150mila persone in fuga da guerre africane vecchie e nuove

Un laboratorio tessile nel campo di Kakuma

Un laboratorio tessile nel campo di Kakuma

Kakuma è voce di marinai alle corde, «tutto è perduto, alle preghiere, alle preghiere si corra! Come alle ultime corde precisamente». Il silenzio precede il limite della nuda soglia. Tutto sembra dimenticato: le passioni, i miti, ognuno è sopravvissuto. La vita sembra scivolata via come una barca di canne. L’approdo è una immobilità di vita che non somiglia per niente alla pace. Una immobilità implacabile che cova imperscrutabili propositi. Vivere a metà. QUESTA È KAKUMA. All'estremo limite del Kenya, in una regione di confine con il Sudan, l'Uganda e l'Etiopia. Un territorio abitato da 147.670 persone provenienti da mezza Africa:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.